Il ritorno degli hedge funds

Una delle attività che svolgiamo regolarmente è il monitoraggio dei flussi sui mercati finanziari e delle scelte strategiche di gruppi di investitori di particolare rilevanza, sia a livello dimensionale che di competenza. Le scelte di investitori come i fondi pensione e i family office possono rivelare interessanti tendenze e offrire spunti di riflessione.

Nel 2017 si è registrata un’inversione di tendenza per quanto riguarda il mondo degli alternativi e, in particolare, per gli hedge fund. Dopo diversi anni di difficoltà dovuta soprattutto a performance deludenti, l’anno scorso l’industria degli hedge fund ha registrato una raccolta di oltre 10 miliardi di dollari. Gli asset in gestione hanno raggiunto un nuovo record di oltre 3000 miliardi di dollari.

Un sondaggio condotto da Barclays su 335 investitori che rappresentano oltre mille miliardi di dollari di investimenti ha rivelato che, anche quest’anno, l’industria degli hedge fund dovrebbe continuare a beneficiare di maggiori allocazioni da parte di fondi pensione e family office, a scapito degli investimenti in fondi tradizionali.

Rispetto al passato però, l’interesse degli investitori si concentra soprattutto su strategie quantitative e macro, mentre quelle più in voga negli ultimi anni (long/short e event driven) vengono considerate meno interessanti in questo contesto di mercato.

Cosa guida queste scelte da parte di investitori così sofisticati? Siamo in una fase avanzata del ciclo economico e di mercato, soprattutto negli Stati Uniti, ed è quindi normale che gli investitori cerchino una maggiore diversificazione su asset class meno legate all’andamento dei listini. Infatti, gli hedge fund si danno come obiettivo la protezione del capitale, offrendo rendimenti asimmetrici rispetto alle principali asset class.

Inoltre, in considerazione delle politiche monetarie espansive che perdurano da anni e dei bassi rendimenti, l’universo obbligazionario offre opportunità limitate e, anzi, potrebbe rivelarsi vulnerabile nel caso di aumenti dei tassi d’interesse più repentini del previsto. Gli hedge fund si propongono quindi come un’alternativa per gli investitori in cerca di maggiori rendimenti senza voler incrementare la componente azionaria.

In effetti, l’esperienza insegna che, nei precedenti cicli di rialzo dei tassi statunitensi (1994-1995, 1999-2000 e 2004-2006), gli hedge fund sono risultati l’asset class più performante, offrendo un valido complemento ai tradizionali investimenti in azioni e obbligazioni. Nell’ambito di un portafoglio ben diversificato, gli alternativi possono contribuire a ridurre la volatilità e offrire rendimenti meno correlati all’andamento del mercato.

Matteo Ramenghi (pictured), Chief Investment Officer UBS WM Italy

ABOUT THE AUTHOR
Eugenia Jimenez
Eugenia Jiménez speaks Spanish and is Iberia Correspondent for Investment Europe covering Spain & Portugal, as well as assisting with coverage of Italy. She holds a UK NCTJ- accredited Multimedia News Reporting course and studied Journalism at the University of Sevilla. She has worked for local media organisations in Sevilla and Málaga, mainly in broadcasting as a news reporter, among other roles. She has also worked for a local newspaper in Sevilla, reporting on current affairs, local government and culture.

Read more from Eugenia Jimenez

preloader
Close Window
View the Magazine



I also agree to receive editorial emails from InvestmentEurope
I also agree to receive event communications for InvestmentEurope
I also agree to receive other communications emails from InvestmentEurope
I agree to the terms of service *


You need to fill all required fields!