Tsipras e i mercati, Sersale commenta

Related Content Related Video White Papers Related Articles

Giuseppe Sersale, strategist di Anthilia Capital Partners Sgr.

La giornata dei payrolls è iniziata con un sentiment alquanto pericolante.

La trovata di Tsipras & c. di richiedere in extremis l’accorpamento dei pagamenti all’ IMF ha messo di cattivo umore i mercati. Intanto ha dato l’impressione che il cash nelle casse greche sia assolutamente finito (sai che novità). E in secondo luogo l’erraticità dell’atteggiamento greco (negli ultimi giorni erano state date ampie rassicurazioni che il pagamento all’IMF sarebbe stato fatto) ha spiazzato i vertici EU. La Merkel e Hollande hanno convocato il Premier greco per una teleconference a mezzanotte, dove apparentemente si son sentiti dire che la proposta EU non può essere una base per una contrattazione, e non riflette i progressi nelle trattative.

Aggiungiamoci la brutta seduta ieri a Wall Street (S&P -0.85%) e si è capito che chiusura della settimana non sarebbe stata facile. In Asia, solo gli indici cinesi, notoriamente scorrelati dal resto, hanno messo a segno progressi. Ma i cali degli altri indici sono stati marginali.
Diversamente, in Europa siamo partiti subito pesanti, con un occhio ai bonds greci in robusto calo (2 anni +250 bps), e chi se ne frega se i factory orders tedeschi di aprile hanno accelerato (+1.4% da prec +1.1% e vs attese per +0.5%). Tra l’altro, la Bundesbank ha alzato le stime di crescita a +1.7% per il 2015 e 1.8% per il 2016 da rispettivamente 1% e 1.6%, citando buone condizioni del mercato del lavoro e redditi in aumento.
L’azionario è partito in negativo per fare i minimi a fine mattinata sul -2%, e i bond periferici hanno perso  progressivamente buona parte del recupero di ieri pomeriggio. La divisa unica è stato l’unico asset europeo ad avere la tipica performance erratica che precede i payrolls US, oscillando un po’ intorno al livello di chiusura di ieri.

Il Labour market report US è uscito assai migliore delle attese:
** 280.000 nuovi occupati a maggio, vs consenso di 220.000 e con revisioni ai 2 mesi precedenti di +32.000. Con questo dato la media a 3 mesi torna sopra 200.000 (207.000) e quella da inizio anno sale a un rispettabilissimo 217.000.
** La disoccupazione è salita a 5.5% da 5.4%, ma questo è un prodotto di un rimbalzo del tasso di partecipazione da 62.8% a 62.9%. In altre parole il numero di nuovi occupati della household survey (ben 272.000, in linea con i payrolls) è stato bilanciato da 397.000 nuovi individui entrati nella forza lavoro.
** Le paghe orarie sono salite più delle attese (0.3% vs 0.2% atteso e la salita a 2.3$% del tasso anno su anno mostra una lieve accelerazione dei salari.
Guardando nel dettaglio, si nota che i guadagni sono discretamente distribuiti nelle varie categorie, ma il grosso incremento dei servizi segnala nuovamente una domanda domestica robusta, che bilancia la debolezza del canale estero e del settore energia. E i vistosi guadagni del settore retail e  leisure, oltre a confermare che il clima ha avuto un impatto sulla serie come sul resto dell’economia US (e quindi è sensato attendersi un rimbalzo congiunturale), forniscono indizi che i consumi potrebbero essere in fase di accelerazione. Vedremo se le retail sales di maggio ,in pubblicazione giovedi prossimo, confermano il quadro.

preloader
Close Window
View the Magazine





You need to fill all required fields!